Nella tendopoli, due anni e mezzo dopo il terremoto d’Abruzzo

Nell’inverno 2009 quattro registi italiani avevano girato nella tendopoli di Centicolella la prima web-series italiana dedicata alla vita nelle zone colpite dal terremoto in Abruzzo. La serie, prodotta da MoveProduction e PulseMedia è stata trasmessa in ottobre su Al Jazeera English e sulla rete di micro web tv di Altratv.tv (l’osservatorio sui media iperlocali ispirato da Carlo Freccero).
L’intera serie è stata condensata in due filmati da 22 minuti, intitolati From Zero: vita nelle tendopoli. I video mostrano la situazione nelle zone colpite dal sisma, a due anni e mezzo dall’evento, ormai dimenticato da giornali e tv dopo la sborna mediatica delle prime settimane.

La troupe di From Zero nella tendopoli di Centicolella, in Abruzzo

L’intera serie (25 episodi) è racchiusa in un dvd, la cui vendita servirà a finanziare il progetto del Bibliobus aquilano, un autobus che ha percorso migliaia di chilometri nell’entroterra abruzzese distribuendo oltre centomila volumi a cittadini, scuole, università, grazie alle donazioni degli italiani.
In Abruzzo oggi ci sono 29 micro web tv, 23 media iperlocali e una trentina di blog. La tragedia del terremoto ha fatto crescere insomma la sete di informazione e stimolato lo sviluppo del citizen journalism, tanto che oggi la regione ha un primato in questo campo.