Daily Archives: 18/02/2010

Arriva l’airPad di Wired

Alla Ted Conference di Palm Beach, il 12 febbraio è stato presentato il prototipo di un nuovo tablet pc basato sulla tecnologia Adobe Air e sviluppato – in collaborazione con la casa editrice americana Condé Nast – a partire dalla rivista Wired.
Sul tabled di Wired gli utenti trovano tutti i contenuti tradizionali della rivista e in più nuove funzionalità interattive che arricchiscono l’esperienza di lettura, come il supporto video-audio e la possibilità di navigare facilmente tra le diverse sezioni, grazie a un sistema touch screen simile a quello dell’iPad di Apple.
Tutti i particolari sul blog di Adobe.

wired_front.jpg

Reportage dalle periferie del mondo

Catania strangolata dalla mafia nel racconto di Riccardo Orioles e Pippo Scatà con le foto sulle mafie di Alberto Giuliani; i quartieri periferici di New York e Detroit, svuotati dal boom dei mutui, raccontati da Eleonora Bianchini e Mauro Guglielminotti: un pezzo tragico di storia dell’Argentina nell’intervista di Alejandro Brittos a uno dei guerriglieri superstiti al massacro di Trelew nel 1972 con i ritratti di Simone Perolari; la borgata di Ostia, dove fu ucciso Pasolini, descritta da Beppe Sebaste e dalla fotografa Maria Andreozzi. Sono alcuni dei servizi del primo numero di Il Reportage, trimestrale di scrittura, giornalismo e fotografia. Direttore è Riccardo De Gennaro, photoeditor Mauro Guglielminotti.

Nella foto (da archivio900.it): via dell’Idroscalo, Ostia Lido (Roma), il cadavere di Pier Paolo Pasolini, coperto da un lenzuolo insanguinato, il 2 novembre 1975.

Scrivere il mondo alla rovescia

Nato il 6 dicembre a Roma, Caposud è il primo giornale in italiano scritto solo da corrispondenti locali (un centinaio) dai Paesi in via di sviluppo. La redazione si limita a svolgere un lavoro di coordinamento e traduzione.
Direttore responsabile è Tonio Dell’Olio, che è anche il coordinatore della sezione internazionale di Libera, nota associazione contro le mafie.
L’obiettivo di Caposud è di fare informazione da un altro punto di vista e contribuire a curare il gap informativo Nord-Sud, da sempre sbilanciato verso i Paesi sviluppati.

Metti il ristorante su Facebook

Davide Dattoli è il figlio ventenne di un noto ristoratore bresciano, il proprietario del Castello Malvezzi e del Carlo Magno. Dopo aver sperimentato la promozione online dei due locali paterni ha deciso di condividere la sua esperienza attraverso un blog: Comunicazionenellaristorazione.it.

Il blog, uno dei pochi esempi del genere, è un punto di incontro per i ristoratori che vogliono discutere le migliori strategie di comunicazione per i loro esercizi su Internet e sui social network.

“Fare ristorazione non è più solo servire un buon piatto di pasta”, dice Dattoli, “ma conta molto tutto ciò che c’è intorno, insomma impariamo il segreto di McDonald’s, il marketing, e applichiamolo alla nostra ristorazione di qualità”.

Dattoli ha pubblicato anche un ebook, intitolato “Il tuo ristorante su Facebook”, con consigli, suggerimenti, esempi da seguire e cosa invece non fare per promuoversi efficacemente sul social network.

Il futuro e l’innovazione su NextMe

Dal 1° gennaio è online NextMe, rivista web dedicata al futuro e all’innovazione. Accessibile all’indirizzo www.nextme.it, la webzine si propone come hub del futuro e punto di riferimento per tutti coloro che vogliono conoscere le ultime novità sulla tecnologia, le scoperte più inaspettate della scienza, ma anche le tendenze e gli stili di vita di ultima generazione, per essere sempre “un passo avanti agli altri” (dal comunicato di presentazione del sito).
gadget_spaziali

Niente voti, siamo in Vaticano

Alessandro Gilioli lamenta nel suo blog la scarsa apertura dimostrata dalla presidenza della repubblica disabilitando i commenti degli utenti nel nuovo canale del Quirinale su YouTube.
Obama è più aperto, dice Gilioli: nel canale della Casa Bianca i commenti sono liberi.
In quello del Vaticano, invece, sono disabilitati anche i voti.
Ma questo forse è giusto; nello stato della chiesa i voti si prendono, non si danno.

Incidente stradale ad Amazon

Questo, secondo qualcuno, era il regalo giusto da fare per Natale a un giornalista.

E’ un supporto per laptop da volante e si può acquistare da Amazon per poco più di 18 dollari.

Questa, invece,  è una delle decine di foto inviate dai clienti di Amazon per descrivere i prevedibili effetti pratici del  Laptop Steering Wheel Desk: